Cosa succede se si cucina la carne dopo che è andata male?

La carne cattiva è un terreno fertile per batteri come Staphylococcus, Salmonella, Bacillus, Clostridium e Escherichia coli. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti riferisce che la quantità di batteri in carne può raddoppiare ogni 20 minuti quando lasciata a temperature da 40 gradi Fahrenheit a 140 gradi Fahrenheit, diventando un rischio pericoloso per la tua salute. La temperatura di cottura e la corretta manipolazione sono fattori chiave per la sicurezza di mangiare carne. L’USDA raccomanda inoltre di smaltire qualsiasi carne viziata o lasciata a temperature calde per più di un’ora.

Cucinare uccide batteri

La salmonella contamina la carne quando viene lasciata a temperature inferiori a 140 gradi, sia non raffreddata o meno cotta. La salmonella provoca salmonellosi, una malattia che si traduce in crampi addominali, febbre e diarrea. Cuocere la carne viziata fino a raggiungere 150 gradi Fahrenheit distrugge Salmonella; Coli può crescere in carne anche quando refrigerati o congelati. La cottura distrugge i batteri, ma le tossine di solito rimangono nella carne, lasciandole pericolose da mangiare. Inadeguato riscaldamento o ricontaminazione della carne provoca crampi, febbre, problemi intestinali e talvolta morte.

Alcuni sopravviveranno

Due batteri, Bacillus e Clostridium, recano spore. Il calore intenso li disattiva, ma producono spore che resistono al congelamento e alla cottura. Queste spore provocano malattie. Le spore di Clostridium producono botulismo, principale causa di malattie alimentari. La cottura di carne viziata ad alta temperatura uccide alcuni batteri, ma può lasciare le tossine alle spalle. Le tossine residue causano malattie alimentari e la cottura non li distrugge. I batteri dello stafilococco muoiono dalla cottura, ma producono tossine resistenti al calore che causano nausea e diarrea.

Stoccaggio sicuro

La manipolazione sicura della carne aiuta a prevenire la rottura e la crescita dei batteri. L’USDA raccomanda di acquistare la carne dopo aver selezionato tutte le altre drogheria per evitare che la carne sia troppo lunga nel carrello. Quando si arriva a casa, friggere la carne subito in un frigorifero che è sotto i 40 gradi Fahrenheit o congelare. Scongelare la carne congelata in acqua fredda, il forno a microonde o in frigorifero, invece di lasciarla a temperatura ambiente dove i batteri possono crescere. Consultare la tabella di temperatura di sicurezza consigliata da USDA quando si cucina qualsiasi carne.

Avvertenze

L’USDA raccomanda di mangiare carne viziata, anche se è cotta. Se si nota che la carne emette un profumo di ammoniaca o rancido, è grasso o grasso, probabilmente è rovinato. La muffa sulla carne indica anche il deterioramento.