I rischi di bere bevande energetiche ed esercitare

Secondo le ricerche sul mercato dei prodotti alimentari, il mercato delle bevande energetiche nel 2006 è stato superiore a 5,4 miliardi di dollari. Un altro studio del Simmons Market Research Bureau ha rilevato che il 62% delle persone tra i 18 ei 24 anni di età aveva usato una bevanda energetica nel 2005. Mentre le bevande sportive sono destinate a fornire gli elettroliti necessari e facilitano l’idratazione, le bevande energetiche sempre più popolari sono progettate solo Per dare una spinta temporanea di energia. L’utilizzo di queste bevande per fornire energia per l’esercizio fisico può avere effetti negativi sulla salute.

Effetti negativi sull’idratazione

Le bevande energetiche si affidano fortemente alla caffeina e allo zucchero per la spinta energetica che forniscono. Gli alti livelli di zucchero in queste bevande possono in realtà rallentare la capacità del corpo di assorbire i fluidi necessari; se utilizzati in combinazione con l’esercizio fisico, possono causare disidratazione e disturbi gastrointestinali. I produttori di bevande energetiche sono pronti a sottolineare che i loro prodotti non sono destinati alla sostituzione di liquidi. Tuttavia si dice poco circa il loro potenziale effetto negativo sull’idratazione.

Caffeina

Insieme allo zucchero, la caffeina è l’altra fonte principale del calcio della bevanda energetica. L’etichetta può elencare direttamente il contenuto della caffeina, oppure può essere nascosto in altri ingredienti che contengono la caffeina, come guarana o yerba met. Alcune bevande energetiche contengono approssimativamente la stessa quantità di caffeina per servire come una o tre tazze di caffè. L’equivalente di tre tazze di caffè può sembrare innocuo, ma uno studio pubblicato nel numero del 17 gennaio 2006 del “Journal of the American College of Cardiology” mostra che la caffeina contenuta in due tazze di caffè inibisce la capacità del corpo di aumentare Il flusso di sangue al cuore durante l’esercizio fisico. Inoltre, la quantità di caffeina varia da bevanda a bere. Alcuni contengono fino a 500 mg. Secondo il dottor Roland Griffiths della Scuola di medicina di Johns Hopkins, che potrebbe causare l’ebbrezza di caffeina per una persona non abituata alla caffeina. L’intossicazione della caffeina produce ansia, insonnia, nausea, vomito, tremori e frequenza cardiaca rapida.

Altri ingredienti

Una tipica bevanda energetica può contenere fino all’8,000 per cento della quantità giornaliera raccomandata di certe vitamine B. Le dosi elevate di vitamina B6 possono causare danni al nervo e possono portare a carenza di B12. Gli effetti a lungo termine di grandi dosi di altri ingredienti comuni di bevande energetiche sul corpo durante l’esercizio sono non testate e sconosciute. Ingredienti come taurene, gingko biloba e ginseng non sono stati ampiamente testati.

non regolamentata

Le indicazioni e le avvertenze sulle etichette di bevande energetiche possono essere una lettura spaventosa. Nonostante l’uso crescente di queste bevande, non sono regolamentati dalla FDA. Una lettera scritta dal dottor Griffiths e firmata da 100 medici e scienziati è stata inviata alla FDA nel 2008 chiedendo di avere un limite posto sulla quantità di stimolanti che possono contenere. Ha anche chiesto che il produttore sia tenuto a elencare il contenuto della caffeina e un’etichetta di avvertimento. È la politica della FDA di non commentare le petizioni.